Postepay al portatore che fine ha fatto?

Da giugno 2018 non è possible richiedere una Postepay al portatore come la Postepay NewGift, le vecchie Postepay NewGift si possono usare solo se è stata chiesta l’evoluzione.
Poste Italiane non commercializza più carte prepagate al portatore dopo le modifiche al decreto legislativo sulla Direttiva Antiriciclaggio entrato in vigore nel 2018.
Cosa fare se hai una Postepay New Gift non ancora scaduta? Se vuoi continuare a usarla devi chiedere l’evoluzione, in questo modo la tua Postepay diventerà nominativa e potrai continuare a usarla fino a scadenza.

La Postepay NewGift non era una carta anonima ma al portatore, per la richiesta servivano documento di identità e codice fiscale. Poteva essere e anche regalata, e utilizzata anche da un minore. Anche se per i minori Poste Italiane commercializza la Postepay Junior. Inoltre era possibile richiedere l’evoluzione in questo modo si trasformava la Postepeay New Gift in una carta Postpeay nominativa.
Di Postpeay New Gift ne esistevano di diverse versioni la Postepay New Gift, Postepay Lazio Millenovecento, Postepay SSC Napoli Club Azzurro Card, MoneyGramRewards.
Il circuito della carta era Mastercard, il plafond di €999 con ricarica massima annuale di €2500, la validità della carta è di 5 anni. Il costo di rilascio della carta di €7.

Postepay Newgift come chiedere evoluzione.

Se i limiti della carta sembrano troppo bassi si può chiedere presso gli uffici postali gratuitamente l’evoluzione della carta. Praticamente la NewGift da carta prepagata al portatore diventa nominativa e vengono aggiunte delle funzionalità. La carta diventa una normale Postepay standard nominativa.
Il plafond della carta passa da €999 a €3000, la ricarica massima annuale passa da €2500 a illimitata. La carta può essere associata ad una SIM PosteMobile. Solo il circuito della carta non cambia, rimane Mastercard .